Uno dei territori più affascinanti della Sardegna costretto a separarsi dal proprio Comune di appartenenza a causa del prolungato e inaccettabile disinteresse da parte delle amministrazioni comunali di Alghero che si sono succedute negli anni.

Natacha Lampis incontra i promotori del nuovo Comune di Porto Conte

Il Comitato Rinascita della Bonifica ha incontrato il neo assessore Natacha Lampis, per discutere i problemi che affliggono le borgate di Maristella, Guardia Grande, Sa Segada, Santa Maria La Palma e Arenosu.

In una nota, il Comitato riassume l’incontro in questi termini: “Per prima cosa siamo felici che sia stato designato proprio l’assessore allo sviluppo economico quale delegato per la Bonifica perché il nostro territorio ha bisogno esattamente di quello: politiche immediate di sviluppo. Ricordiamo che le borgate, da sole, rappresentano circa la metà della superficie di Alghero e si tratta della metà con le maggiori potenzialità  per creare occupazione e benessere per tutti nei prossimi anni.

L’assessore si è dimostrata sensibile alle nostre istanze e, per essere concreta sin da subito, ci ha chiesto un’azione semplice da portare avanti nell’immediato. Per noi l’urgenza principale è il Piano di Valorizzazione del territorio: previsto dal PPR, questo piano consentirà lo sblocco dell’edilizia legata all’attività agricola e contrasterà lo spopolamento e la disgregazione sociale che ci stanno pesantemente deprimendo. Tuttavia questo piano, già in fase di elaborazione dai nostri tecnici, necessita di ancora un paio di mesi per la redazione definitiva e sarà sul tavolo dell’Amministrazione a settembre. Per tale motivo abbiamo indicato come seconda urgenza per la Bonifica la questione della toponomastica: l’assegnazione e la registrazione delle vie e dei numeri civici è una questione di civiltà che deve essere risolta subito e che già è a buon punto negli uffici del Comune. L’assessore ha accettato l’incarico di raggiungere questo primo obiettivo al più presto.

Un altro dei temi caldi della riunione è stato la necessità dell'abbattimento immediato degli ungulati che oggi, in sovrannumero, devastano le nostre campagne rendendone la coltivazione antieconomica.

In merito alle risorse disponibili per l’attuazione degli interventi previsti, il Comitato Rinascita della Bonifica ha ricordato all’assessore Lampis l’impegno in campagna elettorale da parte del Sindaco Mario Bruno inerente gli introiti delle Grotte di Nettuno:  ne è stata giustamente promessa una quota al territorio che li genera e che dovrà essere utilizzata per investimenti nelle borgate. Siamo pertanto fiduciosi che gli interventi richiesti avranno risposta concreta e rapida.

Per quanto riguarda il Parco di Porto Conte è stato ricordato che il Sindaco ha promesso il coinvolgimento diretto e vincolante di rappresentanti delle borgate limitrofe all'interno della struttura di gestione dell'Ente ospitato sul territorio. Auspichiamo che anche questo impegno venga rispettato al fine di coinvolgere finalmente la popolazione residente che oggi percepisce il parco come un elemento gravemente dannoso.

Il Comitato Rinascita della Bonifica sarà costruttivamente al fianco dell’Amministrazione per la risoluzione dei problemi tuttavia, il territorio, ha vissuto decenni di promesse mancate. Per questo motivo la pratica per l’istituzione del nuovo Comune di Porto Conte procede spedita: l’Amministrazione ha la possibilità di dimostrare nei prossimi mesi con i fatti che l’impegno non è solo a parole”